#1 Preview Clip dell’episodio 3×08 – “Think Lovely Thoughts” (sub ITA)

La ABC ha rilasciato una prima preview clip dell’episodio 3×08 – “Think Lovely Thoughts” che andrà in onda questa domenica. Sotto al video trovate il transcript in italiano:

Neal: Hey, Wendy! Hai mai visto mio figlio da quando sei qui? Si chiama Henry.
Wendy: Tu hai un figlio?
Neal: Sì. Peter Pan vuole il suo cuore.
Emma: Ha mai detto niente riguardo il “cuore di chi crede davvero”?
Wendy: No. Mi dispiace, ma non ha mai accennato a niente che riguardasse un cuore.
Tremotino: Lei sta mentendo. Dov’è?
Azzurro: Hey hey hey, che diavolo stai facendo?
Tremotino: Ho sopportato così tante bugie nella mia vita da riconoscerle. Lei sa dove si trova Henry.
Neal: E’ vero?
Wendy: Non puoi capire.
Snow: Stai aiutando Peter Pan?
Wendy: Sta tenendo in vita Gianni e Michele, a patto che io faccia tutto quello che dice lui.
Tremotino: Fidati di me: qualunque cosa ti abbia promesso, alla fine non la rispetterà.
Wendy: E perchè mai dovrei fidarmi di un uomo che ha abbandonato il proprio figlio?
Regina: Perchè i tuoi fratelli lo hanno fatto. Si sono fidati di una ragazza, Belle, e l’hanno aiutata a recuperare questa scatola, così che noi possiamo sconfiggere Peter Pan.
Wendy: Stanno bene?
Tremotino: Per ora sì, ma solo se avremo la meglio.
Neal: Wendy, salveremo Gianni e Michele, lo giuro su Dio. Ma per adesso, ho davvero bisogno del tuo aiuto. Ti prego.
Wendy: Peter Pan ha detto a Henry che ha bisogno del suo cuore per salvare la magia. E’ una menzogna. Ne ha bisogno per salvare se stesso.
Uncino: Cosa significa?
Wendy: Peter Pan sta morendo. Ha bisogno del “cuore di chi crede davvero” per assorbire tutta la magia dell’Isola Che Non C’è. Una volta che l’avrà fatto, diventerà immortale, pieno di potere.
Snow: E cosa accadrà a Henry?
Wendy: Beh, è uno scambio. Peter Pan vivrà, invece Henry morirà.

Traduzione a cura di ‘Francesco Cavalieri’

#1 Preview Clip dell’episodio 3×08 – “Think Lovely Thoughts” (sub ITA)ultima modifica: 2013-11-16T10:14:18+00:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento